Cosa ci fanno un ghanese, una canadese e tre genovesi a Roma? Girano un video naturalmente!
E non poteva essere altrimenti, da anni la sfida di Armonica Film è quella di aprirsi ad un mercato internazionale e variegato, soprattutto per quello che riguarda il settore del video musicale.
Circa un mese fa la nostra troupe è stata impegnata a Roma per girare il  video musicale per la canzone “Do you really love me?” del cantante di origine ghanese Sun Essien.
Le riprese sono state effettuate in due splendide giornate di sole in cui la parola d’ordine è stata “corsa contro il tempo”.

IMG_4346

Tutto ha avuto inizio con una caccia al “tesoro” nella stazione di Roma Termini, il tesoro in questione era la modella di origine canadese Ariel Bouchard, all’occorrenza sprovvista di cellulare. Chi conosce la stazione di Roma Termini all’ora di punta può immaginare la difficoltà di trovare qualcuno in mezzo alla marea umana che ogni mattina approda in stazione. Per fortuna ci ha pensato il nostro amico Sun che con i suoi poteri soprannaturali ha fiutato l’odore di Ariel e l’ha portata sana e salva sul set.
Muoversi per Roma quando si hanno tempi ristretti è un vero disastro, il nostro acerrimo nemico durante tutti gli spostamenti è stato il traffico e le zone a traffico limitato, che hanno reso la puntualità delle riprese una vera utopia.

IMG_4441

A parte questi intoppi tutto è andato per il meglio, la spiaggia di Sabaudia e il quartiere di Trastevere sono state le location perfette per raccontare un’esperienza autobiografica dell’artista.
La bella Ariel ha interpretato una ragazza dal carattere forte, dominato da continui cambi d’umore, mentre a Sun è toccata la parte dell’amante respinto, impotente di fronte al comportamento destabilizzante della compagna.

IMG_4434

Un particolare ringraziamento va alla Latina Film Commission, per averci seguito e consigliato per la location di Sabaudia e a Lorenzo Vespignani per quello che riguarda l’appartamento in Trastevere, e naturalmente ai due protagonisti:  Francis e Ariel, persone  estremamente professionali ma al contempo semplici e di gran cuore.

Sono terminate le riprese del videoclip “Il cappellaio matto” dell’artista varesino Omar Bonaventura, prodotto da Armonica Film per la regia di Paolo Mantero, con la partecipazione della splendida Alice Brivio.
Ispirato dal fascino conturbante della psicologa da cui è in cura, il protagonista (Omar) compirà un viaggio surreale e visionario che porterà la sua mente a congiungersi con tutte le principali icone di seduzione femminile, dagli anni ’50 ad oggi.
Si parte dalla celebre scena di “Quando la moglie è in vacanza” film del 1955 per la regia di Billy Wilder, in cui la gonna della seducente Marilyn Monroe viene accidentalmente sollevata dallo spostamento d’aria provocato dalla metropolitana.

video musicale music video OmarLe visioni di addentrano poi negli anni ’60 con “Lolita”, la pellicola di Stanley Kubrick del 1962 in cui l’adolescente Dolores Haze detta “Lolita” stregherà con il suo fascino acerbo il professor Humbert Humbert al punto di fargli perdere la ragione.

Non poteva mancare in questo “revival seduttivo” il richiamo allo spogliarello di “9 settimane 1/2” che consacrò Kim Basinger a icona sexy dell’immaginario maschile degli anni ’80. Il film diretto da Adrian Lyne con la co-partecipazione di Mickey Rourke diventò grazie al suo erotismo velato uno dei film culto di quegli anni.

Siamo arrivati agli anni’90 e c’è lei, seduta su una sedia compie quel memorabile accavallamento di gambe che rimarrà impresso nei secoli dei secoli. E’ il 1992 Michael Douglas e Sharon Stone sono i protagonisti di “Basic Instinct”, di Paul Verhoeven, il film ebbe uno degli incassi più alti di quel decennio, sdoganando in televisione il cinema dai “toni forti”.

Ed eccoci per il gran finale, in realtà siamo ancora nel 1999, ma pochi film come questo hanno messo in evidenza il vuoto della società alle porte del nuovo millennio. Il movie è “American Beauty”, diretto da Sam Mendes, la pellicola vinse ben 5 statuette alla notte degli Oscar 2000 e vede protagonisti una dispettosa e sensuale Mena Suvari che vaga nelle fantasie più torbide di un uomo di mezz’età, interpretato da Kevin Spacey, completamentevideo musicale music video Omar nuda e cosparsa unicamente di petali di rosa.

In una sola giornata di riprese si è cercato di essere in qualche modo all’altezza di questi grandi nomi, questi piccoli flash di seduzione nascono con lo scopo di omaggiare la capacità del cinema di stregare l’immaginario dell’uomo.

Un ringraziamento va come sempre alla Film Commission di Genova e alla splendida location di Villa Bombrini, ad Alice, ad Omar e il suo staff e a tutta la troupe di Armonica Film.